dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
Associazione ASit Chi siamo Alessia Congia
i soci di ASit:
sideBar
Lunedì, 04 Marzo 2013 21:47

Alessia Congia

Alessia CongiaMi chiamo Alessia Congia ed ho 40 anni. Abito e lavoro a Torino dal dicembre del 2011, da quando ho iniziato a lavorare come assistente sociale all'INAIL (Istituto Nazionale per l' Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro). Quello dell'INAIL era uno dei primi concorsi a cui ho partecipato, per caso e con scarse aspettative,  ma che ha determinato un cambiamento inimmaginabile ed entusiasmante della mia vita.
Posso dire che il mio ingresso nella vita lavorativa è stato accompagnato, sin dai primi passi da, ASit.
Ero presente al primo raduno del 2003, poi a Torino nel 2004 e ancora a Roma nel 2010.
Sono iscritta ad ASit perché sento questa associazione la mia famiglia professionale. Sono una "figlia" che da ASit ha preso sempre più di quanto abbia dato.
Cominciare la mia vita lavorativa come assistente sociale in un ambito così specifico e poco conosciuto, comportava il rischio di farmi sentire un isolotto a parte.
L'iscrizione alla mailing list di ASit e il contatto con una realtà più estesa attraverso il sito e gli incontri, mi ha permesso sin dai primi anni di lavoro di sentirmi sempre, continuamente, parte di una famiglia professionale. Mi ha dato e mi da modo di conoscere e capire  i temi che nel tempo interessano la nostra professione, comprendere le specificità e le difficoltà di colleghi che lavorano in altre realtà, differenti dalla mia, ricordare me stessa quand'ero studente o appena laureata, essere aggiornata rispetto a quanto si muove dal punto di vista del pensiero, del costume, normativo, sociale e che ci riguarda da vicino. Sono sempre intervenuta poco, ma ho sempre tenuto stretto un filo che mi lega a questa realtà alla quale devo tanto.
Amo il mio lavoro e sono orgogliosa della mia appartenenza a questa comunità professionale. Mi piace acquisire strumenti e competenze nuove e con questi reinventare di continuo il mio lavoro e la relazione con gli altri. Sto investendo molto nella narrazione e nell'auto mutuo aiuto e questi percorsi mi stanno offrendo la possibilità di sperimentare spazi di relazione che trovo efficaci e gratificanti.
ASit è anche un luogo di narrazione e stimolo per la riflessività; è una finestra su un mondo al quale sento di appartenere.
Dal 2006 collaboro con una Fondazione di Torino che rivolge le proprie attività a persone afasiche a seguito di ictus o altri danni cerebrali acquisiti. Anche questa esperienza mi sta arricchendo molto e contribuisce a non farmi sentire mai stanca di questo lavoro ma sempre più curiosa ed entusiasta. Attualmente ho avuto il privilegio di guardare la professione da un punto di vista molto particolare, infatti io e mio marito siamo nel pieno di un percorso adottivo. Mi piacerebbe, prima o poi, condividere sul sito questa esperienza, sperando che abbia un lieto fine.

Letto 2625 volte Ultima modifica il Lunedì, 04 Marzo 2013 22:09

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna