dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
sideBar
Domenica, 15 Maggio 2011 20:37

Trento - 1^ Sessione 2002

Vota questo articolo
(0 Voti)

1° PROVA TEORICA

1. Lavoro di rete e lavoro di equipe: punti di contatto e di divergenza.
2. Il case management: principi e fasi operative
3. Il Codice Deontologico degli assistenti sociali, il cui rispetto è vincolante per l’esercizio della professione, contempla tra gli ambiti di responsabilità dell’assistente sociale anche quella nei confronti della persona utente o cliente: indichi il/la candidata come tale responsabilità si esplica nei diversi contesti di intervento professionale.

2° PROVA TEORICA

1. Modelli e fasi della progettazione degli interventi dei servizi sociali.
2. Principi ispiratori della Legge 328/00 e riorganizzazione del sistema dei servizi sociali in Italia.
3. Dal welfare state al welfare mix: quali opportunità e quali rischi per il sistema dei servizi.

PROVA PRATICA (una traccia a scelta del candidato)

1. Pia ha 35 anni. Ha la sclerosi multipla, è sposata ed ha due bambini di 12 e 14 anni.
Le condizioni di Pia sono rapidamente peggiorate. Di recente è stata in ospedale, dopo una grave ricaduta. E’ difficile capire cosa dice, riesce a fare da sola solo pochi movimenti controllati degli arti e deve essere imboccata.
Pia vuole tornare a casa. Suo marito Michele afferma che lei gli manca terribilmente, ma è molto preoccupato dell’aiuto sempre maggiore di cui la moglie avrà bisogno.
I bambini sono andati a trovarla spesso mentre era in ospedale. Per loro la mamma è sempre stata disabile. L’aiutano spesso quando tornano da scuola (negli ultimi quattro anni sono sempre andati e tornati da scuola da soli) e di solito preparano la cena.
Pia è stata membro attivo di un’organizzazione locale per disabili e in passato ha lavorato come volontaria per un servizio di informazione e consulenza per persone disabili. Riceve 750 euro al mese di pensione di invalidità. E’ chiaro che d’ora in poi avrà bisogno di più aiuto, compresi gli esercizi di fisioterapia passiva e di qualcuno che le dia da mangiare. Ha inoltre un catetere permanente.
L’ospedale organizza un incontro per la gestione delle dimissioni di Pia, a cui viene invitata un’a.s.
1. Elementi importanti per l’assessment
2. Ipotesi di intervento

2. Giancarlo ha 33 anni e gli è stata diagnosticata una forma di schizofrenia. La prima diagnosi risale a quando studiava all’università e aveva poco più di 20 anni. Per i cinque anni successivi è stato dentro e fuori dall’ospedale. Durante quel periodo ha fatto fatica a mantenere rapporti con amici e la famiglia. Anche ora vede di rado i suoi genitori, che lo considerano motivo di vergogna per la famiglia.
Non è stato più ricoverato in ospedale da sei anni a questa parte, benché prenda ancora farmaci.
Ha ripreso di nuovo i suoi studi universitari e sta frequentando un master. Sta anche lavorando parttime in un Centro residenziale per persone con problemi mentali e di tanto in tanto è invitato a partecipare al Corso di Laurea in Servizio Sociale per parlare dei servizi di salute mentale dal punto di vista del paziente. Trova ancora difficile mantenere rapporti personali stretti e vive separato dalla donna che ha sposato tre anni fa (anche lei ha problemi mentali). Nonostante il lavoro part-time, i soldi sono sempre un problema. Fa fatica a far quadrare i conti; vive in un alloggio molto modesto in un quartiere dove c’è molta criminalità.
Giancarlo si rivolge all’assistente sociale dopo un violento diverbio con un suo vicino di casa.
Giancarlo sostiene di avergli chiesto di abbassare la musica che lui stava ascoltando a tutto volume nel suo appartamento e l’uomo lo ha aggredito. Secondo il vicino, Giancarlo si comportava in modo strano: si sarebbe lamentato di presunti torti che lui (il vicino) gli avrebbe fatto e andava in giro a dire che il vicino ce l’aveva con lui. Sosteneva di non aver messo le mani addosso a Giancarlo. L’aveva semplicemente spinto per chiudere la porta. Giancarlo si è molto agitato per questo episodio. Non si prende più cura di sé e non riesce a studiare. L’infermiere psichiatrico che lo segue ritiene che abbia bisogno di aiuto.
1. Elementi importanti per l’assessment.
2. Ipotesi di intervento

Letto 1458 volte Ultima modifica il Domenica, 15 Maggio 2011 20:46
Altro in questa categoria: Trento - 2^ Sessione 2002 »

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna