dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
sideBar
Lunedì, 16 Maggio 2011 14:28

Trento - 2^ Sessione 2009

Vota questo articolo
(0 Voti)

SEZIONE A

PRIMA PROVA SCRITTA

Tema n. 1
Il ruolo dell’assistente sociale specialista all’interno dell’ente pubblico e del terzo settore.
Tema n.2
Valutare gli esiti dell’intervento professionale di un servizio sociale territoriale: il candidato descriva strumenti e fasi di un possibile processo di valutazione.
Tema n.3
Caratteristiche e nodi critici nella costruzione del sistema informativo per i servizi sociali.

SECONDA PROVA SCRITTA

Tema n. 1
La costruzione di un piano sociale di zona: il candidato descriva il possibile ruolo dell’assistente sociale specialista.
Tema n.2
Il candidato illustri i possibili strumenti di integrazione tra servizi soffermandosi in particolare sulle modalità di costruzione e utilizzo dei medesimi. 
Tema n.3
Il candidato descriva le fasi di programmazione, implementazione e valutazione di un centro diurno sul territorio rivolto a un’area di utenza a scelta.

SEZIONE B

I PROVA SCRITTA

Tema n. 1
Il candidato descriva l’applicazione del procedimento metodologico del servizio sociale e illustri gli aspetti critici e i punti di forza della sua applicazione.
Tema n. 2
L’utilizzo del contratto nella relazione di aiuto: fondamenti teorici e dimensioni applicative.
Tema n. 3
Come si traduce il principio di autodeterminazione nelle metodologie e nelle pratiche di servizio sociale.

II PROVA SCRITTA

Tema n. 1
Lo sviluppo manageriale dei servizi sociali: opportunità e rischi per il servizio sociale.
Tema n. 2
Il ruolo dell’assistente sociale nelle organizzazioni pubbliche e di terzo settore.
Tema n. 3
Le nuove forme di finanziamento pubblico alla domanda privata di servizi sociali (voucher, assegni di cura etc.). I nuovi compiti del servizio sociale.

PROVA PRATICA

Tema n. 1
La signora Emma, quarantenne e portatrice di handicap intellettivo lieve, frequenta un centro socioeducativo. Dopo l’improvvisa scomparsa della madre, con la quale viveva e che si era sempre occupata di tutti gli aspetti della vita quotidiana della figlia, Emma manifesta un forte desiderio di vita autonoma ed esprime l’esigenza di decidere da sola per il proprio futuro. Gli operatori del centro propongono invece che Emma venga inserita nella struttura residenziale attigua al centro.
Come può procedere l’assistente sociale, con specifico riferimento agli aspetti deontologici del processo di aiuto?
Tema n.2
Al servizio sociale dell’area “minori e famiglie” il Parroco segnala il recente insediamento nel quartiere di una famiglia extracomunitaria con tre figli minori dai sei ai dieci anni di età. Il Parroco riferisce all’assistente sociale che il padre si è rivolto a lui per avere aiuti economici e alimentari.
Il candidato descriva come procederebbe l’assistente sociale, per promuovere l’inserimento della famiglia nella comunità locale.
Tema n. 3
Il Signor Carlo, settantacinquenne, vive da solo da molti anni in seguito alla morte della moglie. Nell’ultimo periodo alcuni vicini di casa hanno segnalato più volte al suo unico figlio, che vive nelle vicinanze, di aver trovato il signor Carlo in stato confusionale in giro per il paese e di averlo dovuto riaccompagnare a casa.
Il figlio, preoccupato, si rivolge all’assistente sociale per avere un supporto.
Il candidato illustri le fasi del processo di aiuto.

Letto 1851 volte Ultima modifica il Sabato, 04 Giugno 2011 16:08

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna