dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
Errore
  • JUser::_load: Unable to load user with id: 91
sideBar
Giovedì, 26 Maggio 2011 00:38

Cassino 1^ sessione 2009

Vota questo articolo
(0 Voti)

SEZIONE A 

PRIMA PROVA SCRITTA

1- Politiche sociali, pianificazione e programmazione integrata nei servizi. il candidato rifletta sui principali aspetti teorici e metodologici che sono alla base di tali processi e sugli elementi di progettazione e valutazione che ne derivano.”

2 - Il candidato rifletta sui modelli e strumenti di progettazione e valutazione nelle attuali politiche di sviluppo sociale”.

3 - Il lavoro di rete come metodologia di intervento sociale per favorire il miglioramento della qualità della vita della persona. Aspetti metodologici e organizzativi”.

SECONDA PROVA SCRITTA

1 - Il candidato definisca e predisponga modalità e strumenti finalizzati a valutare la soddisfazione dei clienti di un servizio territoriale”.

2 - Riferendosi a metodologie di ricerca e intervento qualitativi e quantitativi, il candidato elabori un progetto di valutazione della qualità percepita nei servizi socio-sanitari alla persona”.

3 - In qualità di componente di un ufficio di piano in un ambito di più comuni, il candidato descriva il contributo del servizio sociale professionale nella programmazione di servizi integrati rivolti alla popolazione anziana”.

SEZIONE B

PRIMA PROVA SCRITTA

1 - Il candidato descriva il percorso metodologico da seguire nella costituzione di un progetto individualizzato di intervento da realizzarsi in modo integrato con strutture sociali e sanitarie.

2 - La metodologia del servizio sociale tra case work, group work e community work. Il candidato rifletta sui principi epistemologici e sui riscontri pratico-operativi che sono alla base di tali metodi di lavoro

3 - Il candidato descriva metodologie e tecniche del servizio sociale, professionale e definisca le modalità più appropriate da applicare in una situazione di disagio sociale e relazionale di un nucleo familiare.”.

SECONDA PROVA SCRITTA

1 - Il candidato rifletta sul concetto di servizio sociale, enucleandone le aree di intervento, gli obiettivi e i mutamenti nell’offerta dei servizi del settore socio-sanitario, che si sono verificati negli ultimi anni nel nostro Paese.

2 - L’assistente sociale nell’integrazione socio-sanitaria: le finalità degli interventi, gli obiettivi da perseguire e le risorse disponibili

3 - Nell’attuale welfare viene prevista la concertazione fra più attori sociali; il candidato descriva il ruolo del servizio sociale professionale all’interno dell’organizzazione territoriale.

PROVA PRATICA

1 - Gino ha 45 anni, dall’età di 16 anni è tossicodipendente da sostanze stupefacenti, utente in carico al SERT, (ha effettuato più trattamenti farmacologici sostitutivi integrati ad interventi psico-sociali). Nato da una relazione extra coniugale, viene riconosciuto dal marito alcolista della madre, che a pochi mesi dalla nascita di Gino lascia la famiglia per andarsene in Germania. Gino cresce solo con la madre e le difficoltà familiari e ambientali lo inducono verso un percorso deviante, tanto da vederlo più volte ristretto nei carceri e per lunghi periodi. Attualmente vive con la moglie e tre figli minori in un appartamento dell’Ater condiviso con il suocero, lavora come magazziniere con contratto a tempo indeterminato in un’azienda locale. Il candidato esponga quali i progetti, gli interventi ed i programmi attuati che hanno condotto Gino ad una fase avanzata della sua riabilitazione.

2 - Il sindaco di un Comune segnala al Centro di Salute Mentale il Sig. Rossi, il quale negli ultimi tempi ha assunto atteggiamenti ‘bizzarri’ (non dorme di notte, è aggressivo con i condomini, alterna fasi di euforia a fasi depressive). Questa situazione ha determinato la perdita del lavoro da parte del sig. Rossi ed ha aperto una forte conflittualità con la moglie. I due bambini di 8 e 11 anni risentono di tale situazione ed hanno un calo del rendimento scolastico. Il candidato illustri come si attiverebbe per adempiere a tale richiesta.

3 - Una giovane donna extracomunitaria, in regola con le norme per il soggiorno, non riesce a conciliare il lungo orario di lavoro come badante diurna con la cura dei 2 figli di 6 e 8 anni, frequentanti la scuola pubblica con un orario limitatamente antimeridiano. Il candidato descriva quale intervento può essere messo in atto dall’assistente sociale del Comune dove la donna si è rivolta.

Letto 1993 volte Ultima modifica il Domenica, 29 Maggio 2011 02:11

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna