dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
sideBar
Lunedì, 23 Maggio 2011 01:20

Genova - 2^ sessione 2010

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sezione A

Prima prova scritta

Tema n.1 - Autorizzazione ed accreditamento nel sistema sociale e sanotario: partendo dalla normativa vigente in materia il candidato ne indichi i contenuti.

Tema n. 2 - La legge 328/2000 al Capo II definisce l'assetto istituzionale e l'organizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Il candidato delinei schematicamente le funzioni di: Comuni, Province, Regioni e Stato. Illustri inoltre il candidato quali modifiche siano state portate a tale assetto dalla Legge Costituzionale n. 3/2001.

Tema n.3 - La logica dei quasi-mercati e della concorrenza tra erogatori (ovvero di privati e privati sociali che offrano a prezzi concordati in regimi di accreditamento - vedi art.17, legge 328/2000) presuppone una diversa concezione e organizzazione dei servizi sociali, Indichi il candidato in cosa consiste tale logica, quali i vantaggi presunti e le possibili controindicazioni per i cittadini, nonché le possibili ripercussioni sui ruoli professionali degli operatori sociali (degli assistenti sociali in particolare) nel pubblico e nel privato.

Seconda prova scritta

Tema n.1 - Il candidato elabori un progetto finalizzato all'accoglienza temporanea notturna e rivolto a persone senza dimora in un territorio di 80.000 abitanti indicando, in particolare, attori coinvolti e possibili linee d'azione.

Tema n.2 - Un assistente sociale operante sul territorio di due comuni limitrofi (per un totale di circa 10.000 abitanti), verifica un continuo aumento di richieste di aiuto per le funzioni domestiche da parte di anziani soli e residenti in zone difficilmente raggiungibili. il candidato ipotizzi un progetto che possa soddisfare tale richiesta.

Tema n.3 - il candidato formuli un piano di collaborazione tra un Comune di 50.000 abitanti circa ed una o più organizzazioni del terzo settore, finalizzato alla realizzazione di interventi e servizi mirati a favorire l'accoglienza, l'integrazione sociale dei cittadini migranti (con particolare attenzione a donne e minori) e facilitare il loro accesso ai servizi e agli interventi sociali presenti sul territorio.

SEZIONE B

Prima prova scritta

Tema n.1 - Il codice deontologico degli Assistenti Sociali approvato il 17/07/2009 introduce i principi di Giustizia ed Equità Sociale al Titolo II articolo 5, recitando testualmente " La professione si fonda sul valore, sulla dignità e sulla unicità di tutte le persone, sul rispetto dei loro diritti universalmente riconosciuti e delle loro qualità originarie, quali libertà, uguaglianza, socialità, solidarietà, partecipazione, nonché sulla affermazione dei principi di giustizia ed equità sociali." La giustizia e l'equità sociale rappresentano valori di base che il Servizio Sociale ha fatto propri sin dalle sue origni, Il candidato commenti tali enunciazioni.

Tema n. 2 - il candidato commenti il codice deontologico approvato il 17/07/2009 al titolo III - Capo  I- "Diritti degli utenti e dei clienti", con particolare attenzione ai seguenti concetti: autodeterminazione, informazione, accesso alla documentazione,  consenso.

Tema n. 3 - L'Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali, nel corso della revisioone 2009, ha sentito la necessità di modificare e integrare alcuni articoli del Codice Deontologico (parti sottolineate). Art. 9 - Nell´esercizio delle proprie funzioni l´assistente sociale, consapevole delle proprie convinzioni e appartenenze personali, non esprime giudizi di valore sulle persone in base ai loro comportamenti. Art. 33 - L'a.s. riconosce la famiglia nelle sue diverse forme ed espressioni come luogo privilegiato di relazioni stabili e significative per la persona. Art. 35 - L'a.s. identifica le diversità e la molteplicità come una ricchezza da salvaguardare e da difendere, contrastando ogni tipo di discriminazione. Art. 36 - L'a.s. favorisce la maturazione, emancipazione e responsabilizzazione sociale e civica di comunità e gruppi marginali favorendo pratiche di mediazione e di integrazione. Le crescenti diversità presenti nella società italiana (ad esempio nelle famiglie italiane, straniere, miste) richiedono una maggiore consapevolezza personale e professionale rispetto al passato per non incorrere in atteggiamenti di discriminazione: esponi le tue rifelssioni anche alla luce delle esperienze effettuate nel percorso di studio.

Per visionare le tracce della seconda prova scritta e della prova pratica apri il file allegato a questo articolo (indicato qui sotto)

Letto 2150 volte Ultima modifica il Domenica, 29 Maggio 2011 02:21

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna