dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
Professione Guida al voto per corrispondenza
sideBar
Martedì, 18 Giugno 2013 10:08

Guida al voto per corrispondenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Votare per posta si può. La procedura è un po’ macchinosa, ma non impossibile. Per aiutare ad avvalersi di questa opzione abbiamo preparato una guida passo passo con i richiami normativi e 2 moduli in formato .rtf (quindi leggibili e modificabili da tutti i word processor) e .pdf per la compilazione a mano.
Ma prima qualche considerazione iniziale.

Il voto per posta può essere una valida alternativa al voto tradizionale al seggio in tutta una serie di situazioni:

  • quando è complicato o dispendioso (in tempo e denaro) raggiungere il seggio costituito dai vari CROAS (anche quando gli stessi CROAS organizzano sedi decentrate)
  • quando si prevede che per la data delle elezioni si è impossibilitati per i più vari motivi: in vacanza, a un matrimonio (magari il proprio), ad un convegno da qualche altra parte d’Italia, perché proprio quel giorno è la data stimata per il parto :-)
  • inoltre le votazioni avvengono per legge in giorni feriali, quindi – specie per chi lavora fuori dalla regione nella quale è iscritto – può essere utile ricorrere al voto per posta per esprimersi responsabilmente sulla compagine che rappresenterà la professione nei successivi 4 anni.

C’è un altro “benefit” importante che è una esclusiva del voto per corrispondenza: si vota una sola volta indipendentemente dal numero di votazioni necessarie per raggiungere il quorum. Il proprio voto espresso per posta “rimane” nelle eventuali tre tornate e – importante – concorre a formare il quorum in ognuna di esse. Non sarà quindi necessario, per i colleghi ad alto senso civico, recarsi al seggio 3 volte.

Infatti è ormai una situazione classica quella per la quale si arriva alla terza votazione (dove non è previsto alcun quorum) e le convocazioni elettorali partono già con questa previsione “astensionista”, la si legge neanche tanto tra le righe nelle modalità di organizzazione delle date. Vale la pena di ricordare che gli attuali CROAS sono stati eletti (con differenze notevoli tra le varie regioni) con una media nazionale di poco meno del 20% degli aventi diritto. Al di la delle considerazioni etiche e delle spiegazioni sociologiche per le quali si manifesta questo fenomeno (vedi articolo di Cristina Odiard ) dobbiamo prendere atto che  l’art 3 comma 5 del DPR 169/05 (che disciplina la materia elettorale di vari ordini tra cui il nostro) prevede i vari quorum per le singole chiamate al voto nel modo che segue: “ In prima votazione, l'elezione é valida se ha votato un terzo degli aventi diritto, per gli ordini con più di millecinquecento iscritti all'albo; la metà degli aventi diritto, per gli ordini con meno di millecinquecento iscritti all'albo. In seconda votazione, l'elezione è valida se ha votato un quinto degli aventi diritto, per gli ordini con più di millecinquecento iscritti all'albo; un quarto degli aventi diritto, per gli ordini con meno di millecinquecento iscritti all'albo. In terza votazione, l'elezione é valida qualsiasi sia il numero dei votanti”

Questo significa che un massiccio ricorso al voto per posta (specie per chi ha gli impedimenti che si dicevano in apertura di queste note) potrebbe aiutare a formare quorum meno asfittici di quelli canonici della terza votazione, ma soprattutto a legittimare maggiormente il mandato dei consiglieri eletti.

Con il citato DPR 8 luglio 2005 N 169 il legislatore ha previsto per la prima volta il voto per corrispondenza (art. 3 comma 7), non è ancora il voto on line, ma è comunque un passo avanti. Tuttavia l’esigibilità di questo diritto-dovere va perseguita con tanta, ma tanta, pazienza.

Vediamo gli step necessari per esercitare il voto per corrispondenza:

  1. la prima cosa da fare è chiedere al proprio CROAS la scheda di votazione (debitamente timbrata dice la legge) verificando sui siti istituzionali se e quali modalità e tempi sono previsti per il voto per corrispondenza. Alcuni CROAS intelligentemente accettano anche la richiesta via email (più o meno certificata come PEC), altri ammettono la richiesta via fax (comunque prevista dalle norme) ecc…
    In questo senso il testo legislativo lascia ampi margini discrezionali limitandosi ad un laconico “L'elettore richiede alla segreteria dell'ordine la scheda debitamente timbrata”. La scelta su come formalizzare questa richiesta è quindi dell’elettore. Vi proponiamo un modulo (.pdf) che dovrebbe funzionare in ogni caso, ci sono infatti i richiami normativi, la formulazione della richiesta con i dati necessari ad identificare il votante, la indicazione del recapito al quale inviare la scheda e la modalità “autocertificante” ai sensi dell’art 21 e 38 del DPR 445/2000 .  Sono tutte cose che si possono autoprodurre a km 0. Comunque, ripetiamo, alcuni CROAS si muovono opportunamente in modo più semplice e in questo caso il modulo che vi proponiamo può essere utilizzato anche solo come testo per la richiesta.
  2. Attendere la consegna della scheda di votazione
  3. Verificare il termine ultimo entro il quale la scheda deve pervenire al Presidente del CROAS (che deve essere persona diversa dal Presidente del seggio). Indicazioni in questo senso dovrebbero essere fornite nella convocazione ufficiale e reperibili nei siti istituzionali.
  4. Inviare la scheda entro i termini suddetti. E qui le operazioni da fare in stretta sequenza devono essere precise:

Compilare la scheda di votazione indicando i nominativi dei candidati ai quali si intende dare il proprio sostegno.

  1. Mettere la scheda così votata in una busta normale. Chiudere la busta con la colla o altro. Su questa busta scrivere: “contiene scheda di votazione
  2. Recarsi al comune per far autenticare – sulla busta – la firma che dovrà essere apposta da voi davanti ad un funzionario delegato. L’autenticazione della firma può essere fatta anche da altri soggetti, vedi in questo senso l’art 14 della legge 53/90. Se – specie in piccoli comuni – trovate un funzionario sbigottito dalla vostra richiesta di autentica su una busta chiusa è utile chiarire che si tratta di legalizzazione di firma come prevista dall’art. 30 DPR 445/2000 espressamente richiesta dalla nostra norma elettorale (art 3 comma 7 del DPR 169/05) che recita: “…la scheda stessa, in una busta chiusa, sulla quale é apposta la firma del votante autenticata nei modi di legge …
  3. La busta così preparata deve essere inserita in un’altra busta più grande (ovviamente) che è la raccomandata da inviare. In questa busta grande dovete inserire la dichiarazione che la busta (piccola) contiene la scheda di votazione. Anche per questa dichiarazione abbiamo preparato un modulo (.pdf) formale al quale è buona cosa allegare copia del documento di identità.
  4. Ci siamo quasi: la spedizione va fatta esclusivamente per raccomandata (lo dice la legge), non occorre necessariamente la ricevuta di ritorno (si risparmia qualche soldo e la compilazione della cartolina di ritorno) Infatti l'ufficio postale rilascia sempre una ricevuta attestante l’invio sul quale è riportato un codice (numerico e a barre) con il quale è possibile rintracciare sul sito di Poste Italiane a che punto del viaggio è la nostra raccomandata e se c’è stata (come recita pomposamente il Regio Regolamento Postale) la cosiddetta “avvenuta giacenza”, cioè se materialmente la nostra raccomandata è stata consegnata al Presidente dell’Ordine Regionale. E' anche possibile la cosidetta "raccomandata a mano", in questo caso si può consegnare, negli orari di segreteria del proprio CROAS, la raccomandata che abbiamo preparato  avendo cura di stampare 2 copie della dichiarazione su una delle quali la segreteria deve validare l'accettazione a mo di ricevuta.

 

La raccomandazione è comunque quella di verificare sul sito del proprio CROAS in che modo e con quali tempi è governata la procedura per esercitare il voto per corrispondenza. Se non ricordi l'indirizo del sito del tuo ordine, puoi accedervi dai link in alto a destra nel menu del sito.
Attraverso il nostro forum potranno comunque essere discusse le cose che possono risultare poco chiare.

Riportiamo i vari documenti

Modulo per richiedere il voto per posta

Modulo in .pdf da stampare, compilare e inviare al CROAS

Autore  Data 2013-06-19 Dimensioni 9.81 KB Download 1202

Modulo per richiedere il voto per posta compilabile

Modulo per richiedere il voto per posta in formato .rtf scrivibile da tutti i word processor

Autore  Data 2013-06-19 Dimensioni 49.18 KB Download 1128

Dichiarazione da inserire nella raccomandata

dichiarazione da inserire nella raccomandata con la scheda di votazione in formato .pdf (stampare e riempire)

Autore  Data 2013-06-19 Dimensioni 10.87 KB Download 1328

Dichiarazione da inserire nella raccomandata

Dichiarazione che accompagna la busta di votazione da inserire nella raccomandata in formato .rtf compilabile da tutti i word processor

Autore  Data 2013-06-19 Dimensioni 51.42 KB Download 1055

art. 30 DPR 445/2000

DPR 28 DICEMBRE 2000 N.445. Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. Modalità di autenticazione delle firme

Autore  Data 2013-06-19 Lingua  Italian Dimensioni 14.99 KB Download 1021

art 14 Legge 53/1990

Articolo 14 Legge 53 del 21 marzo 1990. Misure urgenti atte a garantire maggiore efficienza al procedimento elettorale.

Autore  Data 2013-06-19 Lingua  Italian Dimensioni 7.26 KB Download 1004

DPR 169/2005

DPR 8 luglio 2005, n. 169 Regolamento per il riordino del sistema elettorale e della composizione degli organi di ordini professionali

Autore  Data 2013-06-19 Lingua  Italian Dimensioni 41.37 KB Download 1039

Rinnovo degli ordini regionali
Rinnovo degli organi collegiali - O meglio: perché siamo stati così pochi ad andare a votare? Dati, commenti, riflessioni ed interrogativi
articolo di Maria Cristina Odiard - dal notiziario del CNOAS n.2 anno 2009
tratto dal sito del CNOAS
Autore CNOAS Sito Homepage Data 2012-01-01 Lingua  Italian Dimensioni 215.04 KB Download 978

Lettera aperta su elezioni CROAS 2013
Lettera aperta dell'associazione ASit sulle elezioni regionali dei CROAS anno 2013
Autore ass.ne ASit Data 2013-05-23 Lingua  Italian Dimensioni 68.74 KB Download 918

Circolare elezioni CROAS 2013

Circolare del 22/04/2213 dell'Ordine Nazionale relativa alle procedure elettorali per il rinnovo dei Consigli Regionali degli Ordini degli Assistenti Sociali, pubblicata sul sito del CROAS Piemonte

Sito da CROAS Piemonte Data 2013-05-26 Lingua  Italian Dimensioni 205.24 KB Download 803

Letto 8199 volte Ultima modifica il Mercoledì, 19 Giugno 2013 22:30

Commenti   

 
#1 Per le elezioni in piemonte..Chiara Biraghi 2013-06-19 21:10
Citazione
 

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna