dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
Saperi Ladri di bambini Un discolo di nome Vittorino
sideBar
Lunedì, 18 Aprile 2011 20:55

Un discolo di nome Vittorino

Scritto da  Manuela Ferrario
Vota questo articolo
(0 Voti)
di Manuela Ferrario

 

strega2Vittorino: i tormenti di un "discolo".

Cronologia eventi: aprile 1934 – settembre 1935

Luoghi: Lumezzane (BS)

Vittorino nasce nel 1924 da Filippo...

 

Prendo la bici e via!

La bici è di mio padre, ma io gliela rubo e scappo da casa. Via, via, lontano da qui, da questo sporco paese. Lontano da Lumezzane.

Lontano da casa, dai fratelli e sorelle, da mia madre e mio padre, che non mi vogliono bene. Lontano da questa miseria. Siamo povera gente noi: io, i miei genitori e otto fratelli. Ma in casa, ognuno fa per sé.

Ho già dieci anni e non mi piace andare a scuola. I miei compagni mi prendono in giro e mi fanno scherzi cattivi. Sarò anche deficiente, come dice la maestra, ma io voglio andarmene da qui, se no faccio la fine dei miei fratelli, a far serrature e coltelli, dall'alba al tramonto, in una stanza buia.

Scendo verso valle veloce come il vento, cantando a squarcia gola le canzoni che sento alla radio. Sono un po' traballante sulla bici troppo alta per me, mi appoggio alla canna, così riesco a pedalare meglio. Quando mi manca il fiato mi fermo, butto la bici a terra e mi rotolo nei campi, come fanno certi animali. Mi piace ruzzolare giù per il pendio. Mi stendo, dritto, dritto come un palo, gambe e braccia ben tese e poi, con un colpo di anche rotolo giù, giù, a più non posso.

C'è un torrente che taglia il campo, mi tolgo i vestiti, tanto qui non mi vede nessuno, e mi schizzo con l'acqua, alla ricerca di un po' di frescura.

Le ore passano e io ho una fame da lupo. Mi sa che oggi torno a casa. Scapperò un altro giorno.

In salita è molto più faticoso. Mi alzo in piedi sui pedali per far più forza, prendo male un ciottolo della strada sterrata e faccio un volo a terra. Mi sbuccio le ginocchia e batto il mento che diventa blu. Così, un po' massacrato, ruota della bici ammaccata, torno a casa col cuore in gola. Ora chi lo sente mio padre! Mi riempirà di botte.

Infatti son urla e cinghiate.

– A letto senza mangiare! Per punizione - Strilla mia madre.

Nessuno mi vuol bene, nessuno capisce cosa ho dentro.

I grandi pensano di potermi obbligare, con le botte, a far a modo loro. Con me non ce la faranno mai. Piuttosto mi faccio ammazzare, ma non mi piegherò alle loro prepotenze.

Mamma dice che sono un discolo e perciò mi rinchiuderanno in un istituto di correzione, ma io so che invece vuole solo togliermi di torno. Lei mi odia perché non faccio quello che mi dice e poi perché non guadagno i soldi.

– Mangia pane a tradimento!- mi grida dietro alle spalle quando esco di casa per andare a giocare.

Frugo in casa alla ricerca di soldi. Trovo poche lire nel barattolo dove mamma tiene gli spiccioli per la spesa. Recupero qualche centesimo anche dalle tasche dei miei fratelli.

Questa volta me ne vado davvero. E per sempre.

***

Il mio cruccio si chiama Vittorino. Ho moglie e nove figli, tutti bravi, ma lui, no. Lui ha la faccia d'angelo e due grandi occhi chiari, ma è un ribelle che non vuol far niente e io non so più come prenderlo. Ci fa dannare e non ci dormiamo più la notte, io e sua madre. A volte sparisce e va in giro come un cane randagio, senza che noi si sappia niente di dov'è. L'ultima volta ha girovagato per dieci giorni e l'hanno trovato vicino a Brescia, che neanche si sa come ci sia arrivato, magro e sporco come un cencio. Noi non ce la facciamo più e abbiamo paura che, o prima, o poi, gli succeda qualcosa di grave.

Che qualcuno ci aiuti.

Vorremmo chiuderlo in qualche istituto di correzione che ce lo raddrizzi, ma anche il Parroco che sa la nostra disgrazia, non è riuscito a far niente.

Cos'è che han scritto? "... Il giovane non è sufficientemente traviato..." che poi vuol dire che non è abbastanza discolo.

Rubare... ruba. Non ascolta nessuno e fa di testa sua. A scuola non vuole andare. A lavorare men che meno. Scappa di casa in continuazione e si azzuffa con i compagni. Che altro deve fare, un figliolo, per essere sufficientemente traviato?!

***

Sono stanca e ho la schiena spezzata dalla fatica. Tirare avanti una famiglia numerosa come la mia è veramente faticoso. La sera mentre mangio ho la testa che mi cade nel piatto. Non ce la faccio più. E questo figlio che mi fa tribolare! Vittorino è un lazzarone, non vuole capire che la vita è dura e piena di sacrifici. Lui fa tutto quello che vuole e non si riesce a domare. Siamo disperati, mio marito e io, non sappiamo più a che santo votarci. Domani Filippo andrà dritto a chiedere l'aiuto anche del Podestà.

Ogni sera prima di dormire prego il buon Dio che mi aiuti e che illumini i signori del Tribunale. Questi non conoscono le nostre pene e neanche ascoltano la voce di mio marito, un brav'uomo che ha fatto anche la guerra. E se non basta neppure l'interessamento del nostro Podestà a chi dobbiamo chiedere?

A Mussolini in persona?

***

Vittorino, in una afosa giornata nell'agosto del 1935, viene ricoverato nel Riformatorio Giudiziario di Cairo, nell'entroterra Savonese. Lontano, molto lontano da Lumezzane.

Letto 2380 volte Ultima modifica il Lunedì, 18 Aprile 2011 21:02

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna